AIVITER Home page
 

 

Iniziative dell'Associazione Italiana Vittime del Terrorismo, eventi e rassegna stampa/ Events and press


Caso Battisiti - PAC


TORNA ALLA RASSEGNA E A "DICCI LA TUA"

 

Eventi e Rassegna stampa

CASO BATTISTI

  • da Il Tempo del 20/01/2009 -

Parla il vicepresidente dell'Associazione italiana vittime del terrorismo

Della Rocca: "Battisti ha ucciso, ora deve pagare"
«Siamo indignati, è una violazione del diritto sovrano dello Stato»

Il 29 febbraio saranno ventinove. Ventinove anni da quel maledetto venerdi, quando Roberto Della Rocca, capo del personale della Motomeccanica Generale Navale, venne «gambizzato» sotto casa sua, a Genova. I brigatisti gli spararono sette volte.
Due proiettili con la punta incisa gli devastarono uno degli arti inferiori. Il risultato? «Una gamba fracassata, problemi devastanti a livello relazionale, una carriera interrotta, una vita spezzata», sintetizza lui oggi, che è vicepresidente e portavoce ufficiale dell'Associazione italiana vittime del terrorismo.

La sua reazione alla vicenda Battisti?

«È di indignazione. Di profonda indignazione. Il rifiuto dell'estradizione è una violazione del diritto sovrano dello Stato italiano. Parliamo di un soggetto condannato, con sentenze passate in giudicato, per quattro omicidi. Due come esecutore materiale, uno in cui ha partecipato attivamente e un quarto che ha organizzato. Delitti preparati a tavolino, con feroce premeditazione, ed eseguiti a freddo. Questo oltre alle rapine...E lo dico come cittadino. Poi, dal punto di vista di vittima del terrorismo, è come riaprire una ferita in realtà mai rimarginata del tutto. È come se fosse avvenuto un'altra volta, e forse anche peggio».

Ve lo aspettavate?

«No. È vero che c'era il precedente della Petrella. Ma non potevamo immaginare che la dottrina Mitterand diventasse la dottrina Lula, per cui spietati assassini che hanno aspettato sotto casa inermi cittadini e gli hanno sparato alle spalle diventano perseguitati politici che hanno affrontato battaglie rivoluzionarie».
Immagino, però, che abbiate apprezzato la lettera del presidente Napolitano al capo di Stato brasiliano...
«Sì, ci è piaciuta molto. E ci aspettiamo un intervento autorevole anche da parte dell'esecutivo. A tale proposito consideriamo molto positiva l'iniziativa del vostro giornale e la nostra associazione sta studiando un'iniziativa analoga».

Il ministro della Giustizia carioca paragona Battisti all'ex banchiere Cacciola, condannato in Brasile a 13 anni per frode e riciclaggio, ma non consegnato dalle autorità italiane. È un confronto possibile?

«No. Qui parliamo di omicidi e rapine. E di un soggetto che ha fatto un anno e mezzo di carcere e poi se n'è andato in giro per il mondo. Tra l'altro, dai giornali mi risulta che sia entrato in Brasile con un passaporto falso, reato che prevede fino a sei anni di reclusione. Mi auguro che Battisti li sconti in un normale carcere di quel Paese e poi che ce lo rimandino qui».

Ora anche il criminale argentino Raul Tozzo, arrestato in Brasile e accusato di aver ucciso 22 oppositori politici vuole il riconoscimento di rifugiato politico. Che ne pensa?

«Lo dico ironicamente: è anche questo un paradosso della dottrina Lula».

Ci sono circa 50 ex terroristi latitanti nel mondo. Che fare per assicurarli alla giustizia?

«L'Italia deve esigere la consegna di queste persone, tanto più se si trovano all'interno dell'Ue».

E l'uomo che le ha sparato, dov'è ora?

«Si chiama Francesco Lo Bianco e non so neanche se è in prigione».

Se lo incontrasse, come crede che reagirebbe?

«Non violentemente, di sicuro. Gli chiederei solo perché. Perché lo hai fatto? Quale fine hai raggiunto? Che cosa hai ottenuto?».
 


SEZIONI
Storia e presentazione dell'Associazione Storia e presentazione dell'Associazione / Our Association history Memorie e schede delle vittime Memorie e schede delle vittime / Italian victims of terrorism data base
Archivio dei documenti dell'Associazione Archivio dei documenti, foto, didattica e link
/ Archives, didactics and links
Iniziative ed eventi dell'Associazione Iniziative, eventi e comunicati stampa
/ Events and press
Torna in alto - Sponsor dell'Associazione / Our sponsor -  Home page
Partner of the European Network of Victims of the Terrorism (NAVT), partner del Radicalisation Awareness Network (RAN), partecipant of the Global Counterterrorism Forum (GCTF) and Member of International Alliance Against Terrorism (IAAT)

Creative Commons License
Sito internet AIVITER by Associazione Italiana Vittime del Terrorismo e dell'Eversione Contro l'Ordinamento Costituzionale dello Stato is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.
Based on a work at www.vittimeterrorismo.it.