AIVITER Home page
 

 

 

Feriti/1977/PUDDU


Puddu Maurizio
Maurizio Puddu

 "Brigate Rosse, ieri e oggi" di Marco Barberis Edizioni Lariane. Libro-conversazione con Maurizio Puddu Presidente dell'Associazione

 
(cognome, nome e professione) Maurizio Puddu, consigliere provinciale, revisore dei conti e pubblicista
(luogo e date di nascita) Nato a Torino il 27 Dicembre 1931
(luogo e date dell'attentato)  Torino, 13 luglio 1977
(descrizione attentato) Il 13 luglio Puddu, obiettivo designato delle Brigate Rosse, al termine di una riunione di consiglio lascia la sede della Provincia per rientrare a casa. Ecco come egli stesso descrive poi gli avvenimenti: “Avevo appena parcheggiato la vettura vicino al portone d’ingresso e, chiudendo la portiera, vidi due sconosciuti a tre metri da me che armeggiavano in una borsa. Ritirai la chiave e, quasi contemporaneamente, vidi che nelle mani dei due erano apparse due pistole con i silenziatori. Improvvisamente mi resi conto di quanto stava per accadere …un attimo dopo sentii una fitta lancinante alla gamba sinistra. Rimasi paralizzato dal terrore, mentre un dolore fortissimo mi pervadeva tutto. Pure mi scossi, rendendomi conto d’essere divenuto un bersaglio vivente. Trascinando faticosamente la gamba ferita tentai di fuggire tra le auto parcheggiate, mentre l’altro brigatista - una donna – sparava alcuni colpi per intimorire i soldati di una vicina caserma e le persone che si erano affacciate alle finestre. Una seconda pallottola mi raggiunse all’addome, inciampai e l’acuta sofferenza mi obbligò ad accasciarmi sul cofano di un’auto …il sangue usciva copioso da un’arteria lacerata e le forze mi abbandonarono. Ero ormai debolissimo, scivolai a terra e vidi chino su di me uno dei killer che gelidamente alzava ancora la pistola. Implorai ‘per favore basta!’, ma ancora mi raggiunsero altri colpi, poi svenni”.
In totale furono sparati contro Maurizio Puddu 14 colpi di cui sette a segno all’addome, alla gamba sinistra e a quella desta.
(biografia) Laureato in scienze politiche all’Università di Trieste, è nominato prima revisore dei conti e poi Revisore contabile dal Ministero di Grazia e Giustizia.
In seguito è nominato Giudice tributario (Commissione Regionale del Piemonte ) dal Ministero di Giustizia.
Iscritto nell’albo dei giornalisti (pubblicisti).
Già Dirigente nel Comune di Torino, viene eletto consigliere provinciale di Torino dal 1970 al 1985 dove copre anche il ruolo di Assessore.
Dopo l'attentato che lo colpì, collabora con diverse associazioni estere e partecipa al primo convegno europeo sul terrorismo che si è tenuto a Parigi il 24 settembre 1987.
Nel 1985 fonda, con altri soci, l’Associazione Italiana Vittime del terrorismo che dirige per 22 anni, in qualità di  presidente.
(rivendicazione, autori) Brigate Rosse
(stato processuale) -
(note) - Pubblicazioni, interventi e comunicati di Maurizio Puddu sono presenti nella sezione "Inziative" di questo sito.

M. Puddu è stato fondato e presidente di AIVITER fino al suo decesso il 21 maggio 2007: si veda pagina nella storia dell'Associazione

 

SEZIONI
Storia e presentazione dell'Associazione Storia e presentazione dell'Associazione / Our Association history Memorie e schede delle vittime Memorie e schede delle vittime / Italian victims of terrorism data base
Archivio dei documenti dell'Associazione Archivio dei documenti, foto, didattica e link
/ Archives, didactics and links
Iniziative ed eventi dell'Associazione Iniziative, eventi e comunicati stampa
/ Events and press
Torna in alto - Sponsor dell'Associazione / Our sponsor -  Home page
Partner of the European Network of Victims of the Terrorism (NAVT), partner del Radicalisation Awareness Network (RAN), partecipant of the Global Counterterrorism Forum (GCTF) and Member of International Alliance Against Terrorism (IAAT)

Creative Commons License
Sito internet AIVITER by Associazione Italiana Vittime del Terrorismo e dell'Eversione Contro l'Ordinamento Costituzionale dello Stato is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.
Based on a work at www.vittimeterrorismo.it.