AIVITER Home page
 

 

 

Schede/1973/MATTEI_S



Stefano Mattei

 

 
(cognome, nome e professione) Stefano Mattei
(luogo e date di nascita) Roma, 17 febbraio 1963
(luogo e date dell'attentato)  Roma, 16 aprile 1973
(luogo e date di morte)  Roma, 16 aprile 1973
(descrizione attentato) Nella notte del 16 aprile 1973 fu versato del liquido infiammabile sul pianerottolo antistante l'appartamento di Mario Mattei, segretario della sezione del Movimento Sociale Italiano di Primavalle.
Divampò un incendio che distrusse rapidamente l'abitazione.
Mentre gli altri familiari riuscirono a porsi in salvo, due dei figli del Mattei - Virgilio di 22 anni e Stefano di 10 - morirono carbonizzati.
Le indagini si orientarono sull'extraparlamentarismo di sinistra e vennero indagati appartenenti a "Potere Operaio". Furono posti in essere tentativi di depistaggio, volti ad accreditare l'ipotesi di una faida interna alla destra.
(biografia) -
(rivendicazione, autori) -
(stato processuale) -
(status famigliari) -
(note) -

 

SEZIONI
Storia e presentazione dell'Associazione Storia e presentazione dell'Associazione / Our Association history Memorie e schede delle vittime Memorie e schede delle vittime / Italian victims of terrorism data base
Archivio dei documenti dell'Associazione Archivio dei documenti, foto, didattica e link
/ Archives, didactics and links
Iniziative ed eventi dell'Associazione Iniziative, eventi e comunicati stampa
/ Events and press
Torna in alto - Sponsor dell'Associazione / Our sponsor -  Home page
Partner of the European Network of Victims of the Terrorism (NAVT), partner del Radicalisation Awareness Network (RAN), partecipant of the Global Counterterrorism Forum (GCTF) and Member of International Alliance Against Terrorism (IAAT)

Creative Commons License
Sito internet AIVITER by Associazione Italiana Vittime del Terrorismo e dell'Eversione Contro l'Ordinamento Costituzionale dello Stato is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.
Based on a work at www.vittimeterrorismo.it.