AIVITER Home page
 

 

 

Schede/1978/MORO



Aldo Moro


Via Caetani, 9 Maggio 1978


L'Avanti, ed. straordinaria del 16 Marzo 1978


Il Corriere della Sera, ed. straordinaria del 16 Marzo 1978


La Repubblica, ed. straordinaria del 16 Marzo 1978

 
(cognome, nome e professione) Aldo Moro, cattedratico e uomo politico. Principale artefice della politica di centro-sinistra, più  volte ministro e presidente del Consiglio. Dal '76 è presidente della Democrazia Cristiana e favorisce l'avvicinamento del Pci al governo.  
(luogo e date di nascita) Nato a Maglie (Lecce) il 23 Settembre 1916
(luogo e date dell'attentato)  Roma, Via Mario Fani, 16 Marzo 1978
(luogo e date di morte)  Roma, 9 Maggio 1978, dopo 55 giorni di prigionia, il corpo di Aldo Moro, crivellato di proiettili, viene fatto ritrovare in via Caetani, nel bagagliaio di una Renault rossa.
(descrizione attentato) Tra le ore 09:00 e le 09:05 del 16 marzo 1978, una Fiat 128 bianca con targa diplomatica falsa e con a bordo brigatisti, era appostata in Via Mario Fani nel quartiere Trionfale. Quando la Fiat 130 dell'On. Moro, guidata dall'Appuntato dei CC. Domenico Ricci con a fianco il Maresciallo Oreste Leonardi e l'Alfetta della scorta, guidata dall'Agente Francesco Zizzi con a bordo gli Agenti Giulio Rivera e Raffaele Iozzino imboccarono Via Fani, la Fiat 128 bianca si mise davanti alle due auto frenando improvvisamente. L'auto dei terroristi venne tamponata da quella dell'On. Moro, a sua volta tamponata dall'Alfetta della scorta. Diversi terroristi, travestiti da avieri, divisi in due gruppi, aprirono il fuoco sulle due auto, uccidendo i cinque tutori dell'ordine e rapirono il presidente della Democrazia Cristiana.
(biografia) Trascorre l’infanzia e la giovinezza in Puglia dove si laurea giovanissimo in Legge. All’età di 24 anni è professore incaricato di filosofia del Diritto presso l'università di Bari, l’anno dopo ottiene la cattedra di Diritto penale.
Tra il 1939 e il 1942 è presidente della FUCI e fa parte del Movimento dei laureati cattolici.
Sposa nel 1945 Eleonora Chiaravalli, laureata in Lettere, studiosa di psicologia e militante della FUCI. Nascono 4 figli: Maria Fida, Anna, Agnese e Giovanni. La vita famigliare si svolge, appartata dalla ribalta politica, a Torrita Tiberina, casa di campagna, e a Terracina.
Nel 1946 è eletto alla Costituente e nel 1948 è deputato in Parlamento, iniziando così la sua carriera nella D.C. di cui diventerà segretario politico nel 1959 e poi nel 1962. La carica gli permette di favorire la politica di centro-sinistra (i socialisti nell'esecutivo) che ha in lui il principale fautore.
Il 4 Dicembre 1963 vara, come presidente del Consiglio, il primo dei suoi tre governi che si succederanno fino al 1968. L’anno dopo rientra nell’esecutivo come ministro degli Esteri. Tra il 1974 e il 1976 torna presidente del Consiglio nei suoi quarto e quinto governo.
Nell’ottobre del 1976 è eletto presidente della Democrazia Cristiana. Da quella carica svolge un fondamentale ruolo di mediatore, favorendo l’ingresso dei comunisti del PCI nella maggioranza e rinsaldando le fratture all’interno della D.C. 
(rivendicazione, autori) Il 18 marzo, dopo i funerali degli uomini della scorta, le B.R. telefonano al quotidiano “Il Messaggero” e indicano una cabina telefonica in cui viene rinvenuto il “Comunicato n.1” con la foto di Aldo Moro e sullo sfondo la Stella a 5 punte delle Brigate Rosse.
A Torino, durante il processo a Renato Curcio e ai capi storici della B.R., viene ulteriormente rivendicata la responsabilità politica del rapimento.
Sono 9 i comunicati che le B.R. fanno ritrovare nel corso dei mesi di prigionia dell'uomo politico, insieme ad alcune lettere autografe dell’On. Moro che scandiranno tutto il periodo fino all’8 maggio, giorno del ritrovamento del corpo dello statista trucidato.  
(stato processuale) Dopo tre processi, è accertato che a condurre la Renault in via Caetani con il corpo di Aldo Moro sono i brigatisti Mario Moretti, Prospero Gallinari, Valerio Morucci e Bruno Seghetti.
Durante il sequestro Moretti, Morucci, Anna Laura Braghetti e Germano Maccari si sarebbero alternati nella sua vigilanza.
Sono 4 i processi principali del caso Moro. Il primo, che unificava i Moro-uno e Moro-bis, si è concluso in Cassazione (22 ergastoli) nel novembre 1985, il Moro-ter si è concluso nel maggio 1993 (20 ergastoli), il Moro-quater a maggio 1997 con la condanna definitiva all'ergastolo per Lojacono, il Moro-quinquies si è concluso in due tempi (nel 1999 e nel 2000) con le condanne di Raimondo Etro e Germano Maccari.
 
(status famigliari) -
(note) Ulteriori informazioni su Aldo Moro, il suo rapimenti e i processi sul sito web:  http://www.apolis.com/moro/index1.htm 

Le sentenze sul sito di Radio Radicale

 

SEZIONI
Storia e presentazione dell'Associazione Storia e presentazione dell'Associazione / Our Association history Memorie e schede delle vittime Memorie e schede delle vittime / Italian victims of terrorism data base
Archivio dei documenti dell'Associazione Archivio dei documenti, foto, didattica e link
/ Archives, didactics and links
Iniziative ed eventi dell'Associazione Iniziative, eventi e comunicati stampa
/ Events and press
Torna in alto - Sponsor dell'Associazione / Our sponsor -  Home page
Partner of the European Network of Victims of the Terrorism (NAVT), partner del Radicalisation Awareness Network (RAN), partecipant of the Global Counterterrorism Forum (GCTF) and Member of International Alliance Against Terrorism (IAAT)

Creative Commons License
Sito internet AIVITER by Associazione Italiana Vittime del Terrorismo e dell'Eversione Contro l'Ordinamento Costituzionale dello Stato is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License.
Based on a work at www.vittimeterrorismo.it.